Gio Ponti

Olivari designers

Milano, 1891-1979

Gio Ponti inizia la professione con Emilio Lancia ed esibendo un elegante stile Novecento. Con il Palazzo Montecatini a Milano (1936) si avvicina al Razionalismo ed introduce per la prima volta in Italia molte innovazioni tecnologiche. Negli anni Cinquanta elabora uno stile libero e personale che rifiuta l’angolo retto e ricerca effetti cromatici e luminosi di grande espressività, come nella Villa Planchart a Caracas (1954).

lamal_CR - cromato / chrome
LAMA L

2016

lama_CR - cromato / chrome
LAMA

1954

Cono - Gio Ponti
CONO

Fuori produzione

E42 - Gio Ponti
E42

Fuori produzione

Anello - Gio Ponti
ANELLO

Fuori produzione

Bilia, lampada da tavolo, Fontana Arte 1931
— Bilia, lampada da tavolo, Fontana Arte 1931
Dal 1936 al 1961 insegna al Politecnico di Milano, dove si era laureato nel 1920. Nel 1928 fonda Domus, rivista attraverso la quale ha introdotto in Italia la cultura internazionale del design.
Grattacielo Pirelli, Milano 1958
— Grattacielo Pirelli, Milano 1958
San Francesco al Fopponino, Milano 1964 (courtesy OSC)
— San Francesco al Fopponino, Milano 1964 (courtesy OSC)
Fin dall’inizio della sua attività si dedica al prodotto industriale, inizialmente come direttore artistico della Richard-Ginori, e poi attraverso un vastissimo repertorio di progetti: mobili, lampade, sanitari, tessuti e ceramiche.
Sedia Leggera Cassina, Meda, 1954
— Sedia Leggera Cassina, Meda, 1954